Testi e problemi del giusnaturalismo romano D - Mantovani - A - Schiavone (a cura di) - Studi Giuridici - IUSS Press - Eucentre Press
My IUSS Press
:: Categoria :: Argomento









Verified by Visa



Gestito da Eucentre - P.I. 02009180189

Testi e problemi del giusnaturalismo romano
D. Mantovani, A. Schiavone (a cura di)

ISBN: 978-88-7358-040-9
«Il diritto naturale – scrive il giurista Ulpiano  è quello che la natura ha insegnato a tutti gli animali; è da qui che discende l’unione fra maschio e femmina, che noi chiamiamo matrimonio, è da qui che discende la procreazione dei figli, da qui il loro allevamento». I giuristi romani individuavano anche un altro ordinamento – in parte connesso con questo  comune a tutti gli uomini e loro esclusivo, come comune ed esclusiva dell’uomo è la ragione su cui quest’ordinamento si basa: è «il diritto dei popoli  spiega Gaio quello che la ragione naturale ha costituito presso tutti gli uomini, e viene osservato identicamente presso tutti i popoli». Maggiori dettagli...
Prezzo Online: €70.00
Nuovo editore: Pavia University Press
Testi e problemi del giusnaturalismo romano <br> D. Mantovani, A. Schiavone (a cura di)

 
  Dettagli Prodotto

«Il diritto naturale – scrive il giurista Ulpiano - è quello che la natura ha insegnato a tutti gli animali; è da qui che discende l’unione fra maschio e femmina, che noi chiamiamo matrimonio, è da qui che discende la procreazione dei figli, da qui il loro allevamento». I giuristi romani individuavano anche un altro ordinamento – in parte connesso con questo - comune a tutti gli uomini e loro esclusivo, come comune ed esclusiva dell’uomo è la ragione su cui quest’ordinamento si basa: è «il diritto dei popoli - spiega Gaio -quello che la ragione naturale ha costituito presso tutti gli uomini, e viene osservato identicamente presso tutti i popoli».

 

Il giusnaturalismo – cioè l’idea che il diritto sia fondato sulla natura dell’uomo e del mondo, e da questa natura possa perciò essere ricavato – risale alla speculazione greca ed ellenistica e ha trovato nei giuristi romani un’elaborazione destinata a esercitare una particolare influenza sul pensiero moderno, come riconosceva esplicitamente Grozio. La ragione di questa influenza è senz’altro da ricercarsi nella posizione privilegiata che i testi giuridici romani hanno avuto nella cultura giuridica e politica medievale e moderna, ma anche – ed è il tema di questo volume – nel fatto che l’istanza filosofica era calata dai giuristi romani in una concreta esperienza giuridica, rispetto alla quale costituiva non solo una ideologia giustificatrice, ma anche una tavola di argomenti per soluzioni tecniche.

 

Il volume è il frutto di un innovativo progetto di alta formazione e ricerca, il «Collegio di diritto romano» organizzato dal Centro di studi e ricerche sui Diritti Antichi (CEDANT) dello IUSS di Pavia, con il concorso di docenti di Università europee e giovani studiosi di alta qualificazione.

I saggi esaminano alcuni temi e testi significativi del giusnaturalismo romano sotto tre aspetti. Innanzitutto si segue Il giusnaturalismo dalla Grecia a Roma, cioè si chiariscono le premesse filosofiche greche, in Platone, in Aristotele e negli stoici, e si sonda la loro ricezione nella cultura romana, non solo in campo propriamente filosofico, ma anche nella manualistica retorica, da cui si trasmise in modo particolarmente efficace al pensiero giuridico. I saggi su Ius, natura, aequitas fino a Marco Aurelio considerano la prima emersione di motivi giusnaturalistici nei giuristi tardorepubblicani e il loro consolidarsi – sostanziale e terminologico – nei giuristi di I e II secolo d.C., fino a Gaio, e nella parallela prassi declamatoria. Infine, nella sezione Ius, natura, aequitas - l'epilogo severiano, l’indagine si concentra sui giuristi che operarono nell’età dei principi Severi, che hanno lasciato le definizioni più compiute e influenti dei temi giusnaturalistici e, al tempo stesso, fronteggiarono con la loro tecnica nuovi compiti di governo ecumenici, con risultati che possono leggersi come prodromi di riflessioni e realtà moderne e anche attuali.
 

Sommario

 

 

Il giusnaturalismo dalla Grecia a Roma

 

Aldo Schiavone, Per una storia del giusnaturalismo romano

Ada Neschke-Hentschke, Il diritto naturale nell’antica Grecia. Platone e gli stoici

Giuseppe Cambiano, La Retorica di Aristotele e il diritto naturale

Jean-Louis Ferrary, Le droit naturel dans les exposés sur les parties du droit des traités de rhétorique

Federico Battaglia, Enumeratio virtuosa. Alla ricerca del logos della tutela processuale della proprietà

Emilio Gabba, I principi etici della convivenza sociale secondo Polibio

Chiara d'Aloja, Legge di natura e lotta politica nell’opera di Cicerone                         

Giovanni Turelli, Societas quam ingeneravit natura. Brevi considerazioni sul concetto di societas in Cicerone

Andrea Giardina, La clemenza, la natura e la politica. Un percorso di Seneca

 

 

Ius, natura, aequitas fino a Marco Aurelio

 

Antonio Mantello, Natura e diritto da Servio a Labeone

Mario Bretone, Labeone e l'ordine della natura

Agnieszka Kacprzak, L'actio aquae pluviae arcendae ed il concetto labeoniano di natura           

Wolfgang Waldstein, Equità e ragione naturale nel pensiero giuridico del I secolo d.C.

Dario Mantovani, I giuristi, il retore e le api. Ius controversum e natura nella Declamatio maior XIII

Nicolas Cornu-Thenard, Les fondements persuasifs du recours à l’équité. Une confrontation entre Quintilien et les écoles de déclamation           

Michel Humbert, Equité et raison naturelle dans les oeuvres de Celse et de Julien

Gianpiero Mancinetti, La naturalis ratio e la critica degli ordinamenti particolari in Gaio.

Pia Starace, Venuleio, il parricidio, i servi, la natura

 

 

Ius, natura, aequitas. L'epilogo severiano

 

Dieter Nörr, Alla ricerca della vera filosofia. Valori etico-sociali in Giulio Paolo

Valerio Marotta, Iustitia, vera philosophia e natura. Una nota sulle Institutiones di Ulpiano

Ulrike Babusiaux, Zur Funktion der aequitas naturalis in Ulpians Ediktslaudationen

Francesco Maria Silla, Il rimborso delle spese funerarie in caso di prohibitio heredis.

Jakob Fortunat Stagl, Die Ausgleichung von Vorteil und Nachteil als Inhalt klassischer aequitas

Lorena Atzeri, Natura e ius naturale fra tradizione interna ed esterna al Corpus Iuris giustinianeo